Il comune di Palma Campania sta recuperando i debiti pregressi degli assegnatari di posteggio del mercato storico settimanale. La rateizzazione partita nel giugno scorso sta riscuotendo ottimi risultati. «È un lavoro che premia tutti gli attori in campo e che parte da lontano. Un risultato importante che si aggiunge agli altri. Con l’ultimo bando, infatti, sono stati assegnati altri quattro posteggi e continueremo a riproporre il bando fino all’esaurimento dei posti disponibili», afferma l’assessore con delega al mercato, Nello Donnarumma.

E aggiunge: «La prima misura adottata all’interno del mercato è stata quella di abbassare il costo degli assegnatari di posteggio ed aumentare quello per gli spuntisti, contrariamente a quanto avveniva precedentemente. Questo ha permesso ad un assegnatario di posteggio di risparmiare in media 100 euro all’anno. Abbiamo per la prima volta approvato il regolamento del mercato settimanale ed instituito la commissione di mercato, che sta svolgendo un lavoro encomiabile. Abbiamo poi introdotto la figura del vigile contabile per consentire all’operatore di pagare di volta in volta e di farlo con comodità ed in sicurezza. A tal proposito mi preme sottolineare il grandissimo lavoro svolto dalla polizia municipale. In questo paese, troppo spesso e troppo facilmente, si spara a zero contro il nostro comando di polizia locale, senza il quale non avremmo mai raggiunto questi risultati. Siamo stati favoriti anche dalla grande collaborazione degli operatori del mercato, che vistasi abbassare il costo de posteggio, sono stati ben disposti a rateizzare e a pagare, poco alla volta, il pregresso, ed ha svolto un ruolo fondamentale e di squadra la commissione di mercato».

Soddisfatto anche il primo cittadino Vincenzo Carbone: «Sono stati compiuti importanti passaggi che vanno a definire l’assetto del mercato settimanale, che può vantare una struttura organizzativa sempre più solida, regolarizzata ed aperta a tutti gli operatori. Dopo decenni il mercato settimanale torna alla normalità».

Assessore Donnarumma a confronto con gli operatori commerciali