Era il 13 gennaio del 2011 quando Vincenzo Liguori, meccanico di Pollena Trocchia e papà della giornalista de Il Mattino, Mary, venne ammazzato per sbaglio durante un raid di camorra avvenuto all’esterno della sua officina di San Giorgio a Cremano. L’obiettivo dell’agguato, Luigi Formicola, si trovava proprio davanti al laboratorio quando venne ucciso dai sicari. Una pallottola vagante ammazzò anche Liguori.

Imputato come mandante del delitto è Vincenzo Troia, ras emergente dell’arra vesuviana e già condannato all’ergastolo in primo grado. Ora il pm ha chiesto il massimo della pena anche in Appello: insomma nessuno sconto di pena all’orizzonte per il boss.

vincenzo liguori