Ciao a tutti, amici cari! Sono tante, le aziende che si occupano della lavorazione del caffè, nella nostra “Buona terra campana”, ma il gusto inconfondibile di questo prodotto da tutti noi tanto amato, pare essere un marchio di fabbrica anche del nostro territorio vesuviano! L’ispirazione per questo dolce fatto in casa, dal sapore di caffè mi è stata data da un profumo delizioso, che sento periodicamente dal mio studio legale (ed io sono di quelle che consumano caffè rigorosamente lavorato in Campania, anche nei pomeriggi trascorsi tra atti e studio delle questioni, offrendolo ai miei assistiti); ho scoperto solo da poco, che nelle mie zone si trova una delle aziende che si occupa di caffè.

No. Non ho resistito ed ho realizzato questo dolce (che è piaciuto tanto alle mie amiche Valeria e Carmela, che so mi leggeranno essendo anche sempre attente non solo alla mia rubrica, ma a tutti i contenuti de “Il Fatto Vesuviano”): veloce e davvero buonissimo, con l’ingrediente principe lavorato nel nostro territorio.
Ingredienti alla mano… Diamoci da fare!

LADY TIRAMISU’ AL “CAFFE’ VESUVIANO”
Tempo di preparazione: 10 minuti + 3 ore di raffreddamento in freezer

Ingredienti, per dieci persone

350 gr. di biscotti tipo “pandistelle”;
250 ml di panna liquida per dolci;
3 cucchiai di zucchero;
200 ml. di caffè lungo;
cacao amaro in polvere q.b.

Preparazione
Preparate il caffè. Riempite per la metà, un bicchiere di plastica (per farvi comprendere le quantità), di liquore al rhum (di quelli per bagnare le torte) e per l’altra metà d’acqua; montate la panna già fresca di frigo e disponetene uno strato sul fondo di uno stampo antiaderente per plumcake (di circa 30 cm x 13); aggiungetevi uno strato di biscotti tale da coprire bene tutta la panna sottostante e con l’aiuto di un cucchiaio distribuitevi il liquore ottenuto, per bagnare i pandistelle; poi, sempre con l’aiuto di un cucchiaio, distribuite il caffè sui biscotti, fino a coprirli tutti (ma senza esagerare). Strato per strato, continuate a farcire il dolce, fino a giungere alla sommità, che ricoprirete con la panna.

A questo punto, coprite con della carta alluminio e lasciate riposare in freezer per circa 3 ore; estraete lo stampo, eliminate la carta alluminio e capovolgetelo su un piatto da portata; lasciate sciogliere a temperatura ambiente per pochi minuti e con l’aiuto di una paletta piccola o di un coltello staccate i bordi del dolce dalle pareti dello stampo; ri-capovolgete ed otterrete la vostra mattonella di tiramisù, cui mancherà soltanto una spolverizzata di cacao amaro in polvere, sulla superficie. Tagliate a fette e servite. Buon appetito e a giovedì prossimo, sempre su Il Fatto Vesuviano, per un’altra ricetta della vostra Lady!

tiramisù