Paura a Poggiomarino per una rovinosa caduta dalla bicicletta occorsa ad un 67enne del posto. Il fatto è accaduto intorno alle 13,30 di ieri in via Nuova San Marzano, all’angolo con via Sbruffi. Il mezzo a due ruote su cui l’uomo era in sella è finito in un tombino scoperto non segnalato e che tra l’altro era poco visibile a causa del sole che a quell’ora picchiava davvero in maniera accecante. La copertura della fogna era saltata in tarda mattinata, quando sulla città vesuviana si era abbattuto un acquazzone che come al solito ha provocato l’allagamento di diverse strade.

Tra queste, via Nuova San Marzano resta tra le più colpite, ed il tombino è letteralmente esploso per colpa del sistema di caditoie molto precario in città. Insomma, è stato sufficiente un attimo è l’anziano si è ritrovato con la ruota anteriore della bicicletta nella profonda buca: il mezzo si è impennato, mentre il malcapitato al manubrio è stato inevitabilmente sbalzato in aria, con poche possibilità di potere ripararsi dalla caduta. Un capitombolo molto forte e pericoloso, che ha spinto il 67enne poggiomarinese ad alcuni metri di distanza dalla sua bici che tra l’altro è rimasta incastrata all’interno della voragine.

L’uomo ha provato ad alzarsi, ma fortemente dolorante si è immediatamente seduto a terra, mentre alcuni residenti della zona hanno allertato il 118 ed i carabinieri, oltre a scendere in strada per prestare i primi soccorsi al pensionato che tornava a casa dopo una mattinata trascorsa in un campo adiacente di sua proprietà. Sul posto sono arrivati i militari dell’Arma della Compagnia di Torre Annunziata impegnati in un giro di perlustrazione sul territorio ed un’ambulanza della Misericordia di San Giuseppe Vesuviano. La vittima dell’incidente è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale Martiri del Villa Malta di Sarno, dove gli sono state diagnosticate e curate numerose ferite.

Riscontrata tra le altre cose anche lesione al piede destro cagionata proprio dall’incidente e dal conseguente ruzzolone in bicicletta. Inoltre, l’anziano è stato medicato per alcune ferite lacero-contuse al volto ed alle braccia a cui sono state applicate anche dei punti di sutura da parte dei sanitari del nosocomio sarnese. In via Nuova San Marzano, frattanto, le forze dell’ordine hanno compiuto i rilievi ed ascoltato alcune persone del posto per stabilire l’esatta dinamica dell’incidente sul mezzo a due ruote. La bicicletta dal tombino è stata estratta e portata via soltanto quando è stato compiuto ogni accertamento.

La ruota anteriore era completamente sventrata, ed ammaccature c’erano anche al manubrio e su altre parti del mezzo. Insomma, il pensionato ha rischiato davvero di farsi molto più male di quanto invece avvenuto, ma per fortuna non ha battuto la testa nel violento capitombolo. Tante le proteste da parte dei residenti della zona, che hanno ribadito la pericolosità dei tombini che “esplodono” ad ogni acquazzone. Intanto la caditoia “colpevole” dell’infortunio è stata subito dopo risistemata.

caduta bici tombino