Non tutte le Quadriglie dicono “no” al Carnevale Palmese, anzi. Dopo la decisione di ben cinque dei gruppi, tre si dicono invece certe ad andare avanti, ed hanno chiarito la loro posizione attraverso un comunicato stampa dopo che in città si erano diffuse voci di un loro abbandono. Si tratta in tal senso delle Quadriglie “Scusate il Ritardo”, “Scugnizzi” e “Teglanum”.

«Siamo sempre stati uniti e compatti nel sostenere la partecipazione alla prossima edizione del carnevale palmese – dicono i portavoce – abbiamo accettato le determinazioni della Fondazione Carnevale, pur non condividendone alcune scelte (sulle quali è comunque ancora possibile il dialogo), in quanto consideriamo il Carnevale Palmese “prima di tutto”. Secondo il nostro parere i toni utilizzati dall’Ente nel manifesto del 4 novembre 2015 hanno criticato in maniera troppo severa l’operato di tutte le Quadriglie. Il tempo stringe e non è questo il momento di perdersi in sterili polemiche che avrebbero il solo effetto di alterare il regolare svolgimento della manifestazione. Palma Campania non merita di essere privata di ciò che più di ogni altra cosa ne esprime l’identità».

E ancora: «Ora occorre solamente lavorare compatti per rendere lo spettacolo degno della sua ultracentenaria tradizione, anche nel rispetto di chi attende questo momento per incrementare i propri affari, nonché dei tanti bambini che in quei giorni contribuiscono ad animare le strade cittadine con palloncini, coriandoli e quant’altro. Tutto il resto sarà affrontato e valutato dopo, quando il sipario sarà calato su un’edizione che per nessuna ragione dovrà essere sminuita rispetto ai fasti del passato. «Il Carnevale – concludono “Scusate il Ritardo”, “Scugnizzi” e “Teglanum” – è più importante del singolo comitato».

sedi carneva