Striano, parte la nuova raccolta differenziata: la sfida è di arrivare all’80%

88

Importanti novità interesseranno a breve il comune di Striano sul versante ambientale ed in particolare nella modalità di raccolta differenziata dei rifiuti. Con l’aiuto del consigliere Ulrico Gravetti, delegato all’ambiente, si è cercato di dare un quadro chiaro di ciò che, da qui a breve, accadrà sul territorio strianese.

L’appalto del servizio “raccolta integrata dei rifiuti solidi urbani e servizi di igiene urbana” è stato aggiudicato dalla ditta Am Technology, una gara, questa, che ha visto impegnato in prima linea l’ufficio tecnico del comune di Striano, nella persona del dirigente arch. Vittorio Celentano e dei suoi collaboratori. Un lavoro vasto e certosino, data l’importanza e gli importi della gara.

L’importo base della gara era di 4 milioni 140mila euro circa; la ditta vincitrice del bando di gara ha proposto un ribasso del 13,8%, per un importo che ammonta a 3 milioni 560 mila circa, per un canone mensile di euro 59mila, per sessanta mesi, ossia 5 anni. In queste cifre, sono inclusi gli automezzi, il servizio di spazzamento manuale – in precedenza svolto dal personale del comune per un costo di circa 50 mila euro – quello meccanizzato e la pulizia delle caditoie. L’importo di spesa prima  della gara ammontava a 65mila euro mensili, a questi vanno aggiunti 560mila euro per la dotazione degli automezzi ad oggi inutilizzabili, dei quali, rimangono 12 anni di mutuo da pagare.

Le novità del servizio sono notevoli. Il calendario della raccolta differenziata resta invariato; si potranno conferire, presso l’isola ecologica, i rifiuti ingombranti e Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche), tutti i giorni anziché una volta al mese; l’isola ecologica verrà dotata di una pressa per carta e cartoni, di un cassone per il legno, un altro per gli sfalci d’erba; l’orario di apertura sarà dalle ore 6 alle ore 12, con l’impegno di trovare uno o più giorni di apertura pomeridiana; saranno previsti nuovi contenitori per pile esauste, farmaci scaduti, cartucce esaurite; 250 contenitori da destinare a scuole ed uffici pubblici per una migliore differenziazione dei rifiuti.

Striano porterà avanti un progetto pilota della Campania: ogni utenza domestica riceverà, entro fine ottobre, 200 sacchetti per il secco, plastica, carta e 160 per la frazione umida. Entro fine anno verranno consegnati due contenitori, uno destinato all’umido, l’altro per le diverse frazioni. La particolarità dei contenitori sono i cosiddetti trasponders.

Il trasponder è un dispositivo elettronico installato sui contenitori del secco, che permetterà al mezzo che effettua la raccolta, di riconoscere il contenitore e di memorizzare il giorno e l’ora dello svuotamento, dati necessari al calcolo della tariffa relativa al servizio gestione rifiuti. Inoltre, grazie ai nuovi automezzi dotati di sistema di pesatura elettronica, sarà possibile accreditare il peso del materiale conferito all’utenza. L’obiettivo è far sì che nel 2017 la tariffa per la raccolta differenziata, sia collegata al peso reale dei materiali conferiti, sia riciclabili che non. Questo permetterà ai cittadini scrupolosi ed attenti di pagare il giusto e non più in base ai metri quadri della propria o ai componenti del nucleo familiare.

«Un progetto ambizioso al quale noi crediamo e siamo molto fiduciosi che anche i cittadini ci credano» dichiara il consigliere Gravetti. Tutto questo sarà realizzabile grazie ad un’intensa campagna di sensibilizzazione. Durante l’anno 2016 verranno organizzati incontri pubblici con i cittadini; le scuole saranno una leva importante, i bambini verranno coinvolti in visite guidate alle piattaforme di selezione dei materiali. Si incrementeranno i controlli presso le utenze e nelle periferie al fine di evitare l’abbandono del sacchetto selvaggio, con la collaborazione dei carabinieri, della polizia locale, della protezione civile, della polizia eco-zoofila. Quest’ultima, con l’ausilio delle guardie ambientali dell’Anpana-Oepa distaccamento di Striano, si occuperà della campagna di sensibilizzazione, istituendo un vero e proprio front office a cui rivolgersi per qualsiasi informazione, e gestirà anche la distribuzione dei kit.

«L’obiettivo dell’amministrazione Rendina è quello di concludere il 2016 con il 70% della raccolta differenziata e per fine mandato arrivare all’80%, per portare Striano ai primi posti in Campania. A noi interessa lasciare un paese pulito, una tariffa che sia adeguata ai servizi resi, un futuro più sano per i nostri figli. Una sfida che vale la pena di affrontare tutti insieme» conclude il consigliere Gravetti.

differenziata

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE