Stazione “Vesuvio Est”, il sindaco Rendina non si arrende e “stuzzica” la Regione

84

Continua la crociata del sindaco di Striano, Aristide Rendina, nel tentativo di fare ripartire i lavori della stazione Vesuvio Est prevista proprio nella periferia della piccola località vesuviana. Un’opera che risale addirittura alla gestione regionale di Antonio Bassolino, ma di cui si sono perse le tracce almeno sette anni fa.

In tal senso, il primo cittadino ha provato a riaccendere la miccia della Tav nell’area agrovesuviana già durante l’ultimo anno della Giunta Caldoro, un periodo in cui sono stati promossi incontri con le autorità della Campania e con i sindaci dell’area interessata. E ieri mattina la fascia tricolore di Striano ha riaperto il discorso incontrando ad Angri il vicepresidente della Regione, Fulvio Bonavitacola. L’occasione ghiotta è stata la Festa dell’Unità che si è tenuta ad Angri, dove Rendina è riuscito ad avere un incontro privato con il numero due di Palazzo Santa Lucia. C’è l’accordo per rivedersi in Regione, direttamente anche con il governatore Vincenzo De Luca.

La stazione Vesuvio Est della Tav, insomma, potrebbe tornare a vivere, almeno nel progetto che era stato ormai quasi del tutto accantonato. Per Striano sarebbe un’opportunità enorme dal punto di vista economico e dell’indotto per una stazione che porterebbe numerosi viaggiatori provenienti dal Napoletano e dal Salernitano. Il tentativo in Regione da parte del sindaco avverrà già nelle prossime settimane.

vesuvio est

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE