Smantellata piazza di spaccio del clan Gionta, due arresti: c’è un 26enne di Pompei


335

Una piazza di spaccio a ridosso di palazzo Fienga, lo stabile ormai sgomberato e considerato la roccaforte del clan Gionta di Torre Annunziata. L’hanno smantellata i carabinieri della compagnia oplontina che hanno arrestato Matteo Palumbo, 18 anni di Torre Annunziata, e Salvatore Borrelli, 26 anni di Pompei, entrambi già noti alle forze dell’ordine e accusati di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di armi clandestine.



Gli spacciatori, per proteggere la “piazza”, avevano installato porte blindate – con fessure per la cessione di dosi – e installato sistemi di videosorveglianza, con l’obiettivo di impedire irruzioni delle forze dell’ordine e allo stesso tempo che gli acquirenti potessero vedere in faccia i pusher. Ci sono volute ore di servizi di osservazione per calibrare le modalità d’intervento: l’azione è poi scattata ieri pomeriggio. Prima di essere bloccati Palumbo e Borrelli hanno tentato di disfarsi di un borsello contenente marijuana già suddivisa in dosi e banconote di piccolo taglio.

Perquisendo l’area isolata dalle porte metalliche i carabinieri hanno trovato due fucili calibro 12 a canne mozze (uno rubato a Boscoreale, l’altro a Orvieto) con relativi colpi; 141 grammi di marijuana; 78 grammi di hashish; 15 grammi di cocaina; tre bilancini di precisione; un flacone di ammoniaca; materiale per il confezionamento delle dosi; un sistema di videosorveglianza con telecamere e monitor; circa 300 euro in banconote di piccolo taglio (presumibile provento dello spaccio di droga). Dopo le formalità di rito i due arrestati sono stati portati nel carcere napoletano di Poggioreale.

carabinieri droga

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE