È riuscito a frenare, all’ultimo secondo, prima di travolgere quell’uomo che al passaggio del treno si era lanciato sui binari. Il macchinista ha avuto riflessi prontissimi ed ha arrestato immediatamente la corsa del convoglio di cui era alla guida. L’uomo non è morto, ma ha perso una gamba.

Un’amputazione inevitabile, perché davvero di più non si poteva fare. Anzi, se il tentato suicidio non è avvenuto è proprio grazie all’azione di enorme attenzione e prontezza da parte del dipendente. Il fatto è accaduto questa mattina nei pressi di Marigliano: inutile dire che la circolazione sulla linea è rimasta a lungo ferma.

Sono giorni duri, sotto l’aspetto degli incidenti, per l’azienda di trasporto su ferro. Al momento, però, il personale dell’Eav è riuscito ad evitare ben tre tragedie. Ieri a Barra un uomo era disteso sui binari ed è stato salvato. Un 15enne deve la vita alla prontezza di riflessi di un macchinista.

La persona che ha tentato il suicidio, intanto, si trova presso il nosocomio di Nola nel reparto di terapia intensa, ma non correrebbe alcun rischio. Si tratta di un uomo di 49 anni della zona: ancora ignote le cause che hanno scatenato il terribile ed estremo gesto.

circumvesuviana