I carabinieri della stazione di Carbonara di Nola in collaborazione con personale della direzione territoriale del lavoro di Napoli hanno effettuato servizi per contrastare il fenomeno del lavoro sommerso.

Un 30enne del Bangladesh residente a Palma Campania e titolare di un opificio tessile con sede in via Sorrentino è stato denunciato per aver dato occupazione alle sue dipendenze sei lavoratori stranieri “a nero”. La sua attività è stata sospesa.

opificio cinesi fabbrica (2)