Non è assolutamente un volto nuovo il 32enne Salvatore Granata, arrestato ieri a Pomigliano d’Arco perché vendeva droga nonostante fosse ai domiciliari. L’uomo, infatti, è accusato di rapina aggravata. Come riporta il quotidiano Roma lo scorso 25 febbraio mise a segno una rapina a mano armata a Somma Vesuviana.

Insieme a due complici entrò infatti in un’agenzia di scommesse ma venne raggiunto e bloccato dai carabinieri della locale stazione agli ordini del maresciallo Raimondo Semprevivo. I due complici riuscirono a fuggire e sono tuttora ricercati dalle forze dell’ordine.

Ieri la nuova scoperta, con l’uomo trovato a spacciare sostanze stupefacenti all’interno della propria abitazione da cui non poteva uscire proprio a causa della rapina messa in atto 8 mesi fa. Adesso Granata si trova in camera di sicurezza in attesa di essere giudicato.

carabinieri granata