Il tribunale di Salerno ha condannato a 20 anni di carcere il narcos Giuseppe Alfano, conosciuto come Peppe ‘o Squalo, partito da Boscoreale da cui avrebbe creato una rete internazionale per il commercio di sostanze stupefacenti con base proprio tra la città boschese e la vicina Scafati.

Olanda, Francia e Spagna le “frontiere della droga” dove l’organizzazione si approvvigionava di stupefacenti e dove dopo lo smercio nel Napoletano, avvenivano le vendite ai cartelli locali. La condanna per Alfano è arrivata tramite rito abbreviato. L’uomo, frattanto, si trova già nel carcere di Frosinone per reati simili, precedentemente era stato condannato in Spagna.

Le indagini partirono dal 2008, quando in Francia venne sequestrata un’autovettura, una Fiat Multipla, partita dal salernitano, nel cui serbatoio di metano, erano sistemati 700mila euro, spedizione di rito diretta in Olanda, dove avvenivano gli approvvigionamenti di stupefacenti.

alfano squalo