C’è una formale denuncia presso la stazione dei carabinieri di Boscoreale, e c’è il racconto della ragazzina che avrebbe subito il tentativo di adescamento da parte di un immigrato, probabilmente giunto nella località boschese dai vicini centri di accoglienza dell’area vesuviana. Insomma, è incubo pedofilia in città, dove sarebbe stato l’intervento di un giovane a “salvare” la piccola.

La bambina, una volta arrivata alla scuola media Dati, è scoppiata a piangere ed ha vuotato il sacco. In sostanza afferma che un uomo di colore le avrebbe rivolto prima alcuni apprezzamenti, cercando poi di bloccarla tirandole lo zaino. L’alunna prima si è difesa sferrandogli un calcio, poi ha urlato attirando appunto il giovane di passaggio che ha messo in fuga il presunto pedofilo. Al momento i carabinieri stanno indagando sui fatti, cercando anche di identificare la persona intervenuta a sostegno dell’undicenne al fine di ascoltare la sua versione dei fatti.

pedofilia