Si conoscerà presto l’esito del procedimento giudiziario ai danni di Claudio Vitale, 43 anni, e di Jacomo Nicchetto, 29 anni, i due ormai ex carabinieri che rapinarono il supermercato Etè di Ottaviano e che dopo uccisero uno dei proprietari, il 28enne Pasquale Prisco subito dopo un inseguimento avvenuto sulla Statale 268 dei Paesi Vesuviani.

I due carabinieri-rapinatori saranno in aula il prossimo 11 novembre e non ci saranno udienze preliminari né il passaggio del rinvio in giudizio. Una procedura che mostra la sicurezza delle prove ottenuta dalla procura e che velocizzerà certamente il processo. I due sono accusati di omicidio e naturalmente della rapina compiuta poco prima ai danni del supermercato.

Secondo quanto raccolto, una volta scappati, Vitale e Nicchetto vennero inseguiti da due automobili con a bordo proprietari e dipendenti dell’attività commerciale. Sopraffatti avrebbero quindi sparato uccidendo Pasquale Prisco, e ferendo gravemente il fratello Donato ed altre persone.

268 pasquale prisco