Nunzio confessa: «Così ho ucciso Enza, pistola gettata in campagne tra Terzigno e Boscoreale»

46

Il gip convalida l’arresto di Nunzio Annunziata, lo stalker 37enne che lunedì a Terzigno ha ucciso la sua ex compagna Enza Avino. Ma durante l’udienza davanti al giudice, l’uomo ha vuotato il sacco raccontando come ha ammazzato la sua vittima e dove si sarebbe disfatto della pistola a lungo cercata dalle forze dell’ordine che in queste ore stanno continuando a girare tra le campagne per trovare l’arma con cui è stata assassinata la 36enne.

«Ho visto Enza, le ho tagliato la strada. Quando è scesa dalla macchina le ho sparato», racconta Il Mattino. Poi ancora un’aggressione fisica sul corpo già morente della donna riverso a terra in via Fiume. È qui che Annnunziata le ha rubato la borsa ed il telefono cellulare. Successivamente la fuga durante fino alle 6 del mattino del giorno successivo quando Nunzio è stato catturato dai carabinieri a Poggiomarino.

Lo stalker, inoltre, spiega dove avrebbe abbandonato la pistola: i carabinieri stanno cercando l’arma nelle campagne tra Terzigno e Boscoreale dove il 37enne si sarebbe disfatto dapprima del caricatore e poi della “bocca di fuoco”. Oggi, intanto, ci saranno i funerale della povera Enza. Il feretro partirà alle 16,30 dalla sua casa in via Diaz per raggiungere il cimitero dove verrà officiata la funzione come nel credo dei Testimoni di Geova.

nunzio annunziata (2)

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE