Duplice omicidio di camorra all’esterno di supermercato a Nola, arresto per il boss Cava

93

Un’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata notificata a Biagio Cava, 60 anni, boss detenuto dell’omonimo clan della provincia di Avellino, ritenuto il mandante del duplice omicidio di Antonio e Francesco Graziano, zio e nipote, vittime di una vendetta, uccisi in un agguato scattato tra Nola e San Paolo Bel Sito l’11 giugno del 2004.

L’ordinanza è stata emessa dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea. Grazie ai collaboratori di giustizia e alle indagini della Squadra Mobile della Questura di Avellino, è stato ricostruito il duplice omicidio maturato – ha sottolineato la Procura della Repubblica – nell’ambito della contrapposizione tra i clan Cava e Graziano. Antonio Graziano, suocero del boss Adriano Graziano, fu sorpreso e ucciso a colpi di pistola dai killer giunti in sella a una motocicletta mentre in auto, con il nipote, si stava recando nel suo supermercato, “La Fonte”, a Nola.

l duplice omicidio fu la risposta dei Cava alla cosiddetta “strage delle donne” avvenuta nel 2002 durante la quale vennero uccise tre donne della famiglia – una figlia del boss, la sorella e una cognata – mentre un’altra figlia di Biagio Cava rimase paraplegica per le ferite riportate.

biagio cava

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE




SHARE