Discarica a cielo aperto nel rione popolare di Pomigliano, l’appello di Marcello Colasurdo

41

Una vera e propria discarica a cielo aperto quella che si sta creando in via Sulmona a Pomigliano d’Arco, dove, alle spalle di una delle palazzine popolari del quartiere, sono accatastati frigoriferi, televisori, monitor, mobili, pneumatici e rifiuti di ogni genere che, secondo alcuni residenti, giacciono in zona ormai da mesi.

La denuncia arriva dal cantante ed attore Marcello Colasurdo, ex voce storica del gruppo Zezi e leader della Paranza che porta il suo nome, che lancia un appello alle istituzioni ed alle associazioni locali, oltre che alle forze dell’ordine «per combattere insieme e provvedere subito alla rimozione dei rifiuti pericolosi». «Sotto le nostre case stanno creando una nuova terra dei fuochi – spiega – puliamo il mondo, puliamo la terra, ma dobbiamo pulire le coscienze di alcuni cittadini incoscienti, che continuano a depositare materiale di risulta ingombrante all’interno del parco delle case popolari, incuranti dell’incolumità della gente che vi abita, dei bambini, delle persone disabili. Non creiamo un’ulteriore terra dei fuochi».

All’appello di Colasurdo fa eco quello di don Peppino Gambardella, parroco della chiesa San Felice in Pincis, il quale sottolinea che «sono sempre i più deboli a pagare le ingiustizie. Chi è più debole deve essere aiutato dalle istituzioni – conclude il prelato – che devono assicurare la pubblica incolumità delle persone. Tra quei rifiuti, per quanto ne sappiamo, potrebbero esserci anche di pericolosi e tossici».

rifiuti sant'anas

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE