Approfittava dei momenti in cui i genitori uscivano di casa lasciandolo da solo con il figlio minore in stato vegetativo dalla nascita: era in questi momenti che frugava nei cassetti e nei salvadanai rubando un centinaio di euro ogni volta, piccole cifre nel tentativo di non destare sospetti. Tuttavia i genitori, residenti nella zona rurale di Boscoreale, si sono resi conto delle mancanze ed hanno avvisato i carabinieri.

A raccontare la tremenda storia è il quotidiano Roma, che aggiunge: i militari dell’Arma hanno così installato delle telecamere di videosorveglianza, che parlano chiarissimo. L’uomo, un assistente sociale di professione, un 49enne residente a Boscotrecase, frugava nei cassetti e si appropriava di piccole cifre. Naturalmente l’uomo è stato denunciato a piede libero per furto aggravato con l’aggravante di aver abusato della sua posizione lavorativa per commettere l’illecito.

assistenti sociali