Finisce davanti ai giudici la vicenda dello spazzamento a Sant’Anastasia, dopo che alla ditta vincitrice del bando è stato revocato l’incarico da parte della Giunta del sindaco Raffaele Abete. La società di igiene urbana, infatti, non si dà per vinta e porterà in tribunale il Comune con l’obiettivo di recuperare la commessa frattanto passata all’impresa che si classificò seconda al termine della gara d’appalto.

Insomma, è caos sull’azienda a cui è affidato il compito di ripulire le strade e l’area mercatale anastasiana, con una decisione che adesso aspetta ai giudici. Intanto, nelle settimane scorse il Comune ha già avuto un primo successo di carattere giudiziario, ottenuto davanti al Tar a cui l’impresa si era affidata. Il nodo della questione sta in alcune caratteristiche riportate nel bando che la ditta vincitrice non avrebbe.

spazzamento