Terzigno, molotov contro la casa di un ristoratore: è il genere dell’ex superboss Alfieri

88

È stato sicuramente un atto intimidatorio, probabilmente a scopo estorsivo, il lancio di una molotov avvenuto la scorsa notte poco dopo le 2,30 contro il cancello dell’abitazione di Leopoldo D’Amora, ristoratore incensurato e titolare dell’attiguo ristorante “L’antico ritrovo”.

Solo danni alla cancellata e nessun testimone. I carabinieri indagano non tralasciando il fatto che D’Amora è il marito della figlia di Carmine Alfieri, il boss pentito della Nuova famiglia soprannominato “’o ’ntufato”.

molotov

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE