Stava gettando materiale di risulta di un cantiere edile all’interno di un terreno abbandonato nei pressi di via Sarno a Striano, proprio sulla strada che collega le due città: quella vesuviana e quella del Salernitano. A finire nei guai un uomo di 59 anni che è stato notato dalla polizia municipale in uno dei vialetti della lunga arteria, mentre da un automezzo furgonato stava scaricando un bel po’ di materiale certamente prelevato da un cantiere di costruzioni e che era diventato inservibile.

L’uomo, che vive proprio a pochi passi dal luogo in cui ha commesso il reato è stato così denunciato denunciato per abbandono incontrollato di rifiuti speciali non pericolosi ed anche multato dalle forze dell’ordine. Dunque, oltre al pagamento della contravvenzione di 516 euro per il protagonista dello sversamento abusivo si prevede anche un processo penale, che potrebbe essere celebrato per direttissima. Colto sul fatto è probabile che patteggerà la pena per evitare guai maggiori ed impedire condanne importanti secondo la legge contro la Terra dei Fuochi. Continua, insomma, il lavoro delle forze dell’ordine per provare a mettere fine agli sversamenti abusivi che nell’area vesuviana sono purtroppo all’ordine del giorno, producendo tanto inquinamento ed anche un grosso numero di incendi nocivi per la popolazione.

E proprio sotto questo aspetto il Comune di Striano, ma anche quello limitrofo di Sarno si sono mossi anzitempo facendo partire importanti opere di bonifica dei terreni oltre anche ad altre attività di prevenzione attraverso guardie ambientali formate da esperti del settore ecologico. Insomma, un impegno che continua ma che da solo non riesce tuttavia a chiudere per sempre il cerchio intorno a chi continua a sversare rifiuti di ogni tipo di residuo. Nel caso dello sversamento che ha condotto alla denuncia del 59enne strianese, sono stati rintracciati, oltre ai soliti rifiuti edili, anche altro materiale di risulta come tubi e canaline. In totale sono 30 metri cubi di materiale recuperato dagli uomini in divisa che sono intervenuti.

rifiuti pip striano