Un 14enne belga è stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri del posto fisso Scavi di Pompei per danneggiamento aggravato. Il giovane, in visita agli scavi archeologici di Pompei in compagnia dei genitori, è stato sorpreso da un custode addetto alla vigilanza mentre deturpava i reperti.

In particolare, con una pietra, il giovanissimo ha inciso il suo nome e le iniziali del cognome sull’intonaco d’epoca non affrescato, di un locale sito nell’area delle Terme stabiane, complesso termale di epoca romana sito nella Regio VII.

scavi carabinieri