«Ho deciso di rassegnare le dimissioni dalla carica di coordinatore provinciale dell’Ncd a Napoli». Lo comunica, in una nota, il senatore Pietro Langella (Ap) dicendosi «rammaricato di non poter fare altrimenti. Ma la mia – ribadisce – è una decisione irrevocabile».

«Purtroppo – spiega il parlamentare originario di Boscoreale – le scelte politiche e gli indirizzi programmatici adottati dal Nuovo Centrodestra a livello provinciale e regionale, appaiono in netto contrasto con le linee guida indicate, in maniera chiara e precisa, dal partito, su scala nazionale». Per Langella: «troppi galli a cantare significano caos e indecisione. Ma anche disorientamento tra i nostri stessi sostenitori».

«Rincresce non poco doverlo comunicare al coordinatore campano, Gioacchino Alfano, cui mi lega un rapporto di stima ed amicizia, ma non posso più guidare un partito che, soprattutto a Napoli, ha praticamente tradito l’originaria impronta riformista e liberale che aveva salutato la nascita del progetto voluto dal leader Angelino Alfano», conclude Langella.

pietro langella