Distretto Enogastronomico all’Expo. Mattiello, presidente Confcommercio Palma Campania: «Grande orgoglio per l’associazione e per tutto il territorio»

49

Il Distretto Enogastronomico di Palma Campania, nato dall’unione di alcuni chef locali e grazie all’impegno ed al lavoro dell’Assessorato alle Attività Produttive e della Confcommercio palmese, è sbarcato all’Expo di Milano, dove è stato possibile presentare alla platea lo speciale “menù Expo”, che si potrà gustare nei ristoranti di Palma Campania, aderenti al Distretto.

Un successo di gusto che promuove il territorio ed i suoi prodotti tipici, come noci, frutta secca ed ortaggi, e che diventa strumento attrattivo per le persone che vorranno raggiungere la cittadina palmese per gustare i particolari, ma tradizionali sapori creati dal connubio culinario dei ristoratori locali.

«Favorire la nascita del Distretto Enogastronomico e portarlo all’Expo di Milano ha rappresentato un grande orgoglio per l’associazione commercianti e per tutto il territorio ed è solo uno dei tanti obiettivi entrati nel nostro mirino. Un evento che si inserisce tra le tante opportunità pensate per promuovere lo sviluppo e la crescita delle imprese stesse. Vanno dati i meriti al Sindaco, all’Assessore e all’amministrazione per questo successo», ha sottolineato il presidente della Confcommercio di Palma Campania, Antonio Mattiello.

E aggiunge: «Aderire alla Confcommercio vuol dire entrare a far parte di una forte realtà rappresentativa delle imprese palmesi, in grado di garantire un efficiente supporto di tutela e di rappresentanza istituzionale, oltre ad un’ampia gamma di servizi e convenzioni che vanno a semplificare e rendere più agevole la gestione dell’attività quotidiana. La speranza, ma è anche un invito, è che tutte le attività commerciali locali sposino i nostri progetti, così da valorizzarle, sostenerle e renderle protagoniste assolute. Chi si tiene fuori da determinati discorsi non può poi lamentarsi. Anche sul Distretto, alcuni ristoratori non hanno aderito ed è stato giusto che a Milano andassero solo coloro i quali hanno creduto al progetto sin dal principio. Ad Expo, per ragioni logistiche, non abbiamo potuto portare le pizzerie ma ciò non inficia il lavoro fatto. Il Distretto è aperto a tutti ed occasioni come Expo sono solo l’inizio di questo percorso. Spero che nuovi soggetti vogliano aggregarsi. Solo con l’impegno di tutti possiamo realizzare qualcosa di veramente grande».

Confcommercio Distretto all'Expo

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE