Crollo dalla parrocchia di Sant’Antonio, il parroco: «Serve sostegno economico per i lavori»

69

Torna ai fedeli la parrocchia di Sant’Antonio di Padova di Poggiomarino, da cui sono caduti calcinacci nella notte tra domenica e lunedì. Tirato un sospiro di sollievo per l’ora in cui è avvenuto il crollo, gli operai di un’impresa edile hanno messo in sicurezza la chiesa, spicconando l’intonaco a rischio di un ulteriore cedimento.

Insomma, passato il pericolo adesso è di nuovo tempo di rimettere mano ai lavori. Ed il parroco di Poggiomarino, don Aldo D’Andria, lancia un appello: «Il cornicione finito in frantumi non era stato rifatto, ma soltanto tinteggiato nella ristrutturazione che si è conclusa circa cinque anni fa – spiega – Adesso la nostra bella chiesa dovrà nuovamente essere oggetto di lavori ed è inutile dire che non disponiamo della somma necessaria per mettere in ordine la struttura. Confido ancora una volta nella bontà della popolazione e particolarmente in quelli più facoltosi che nel giro di poco tempo potrebbero darci una grossa mano al fine di fare nuovamente risplendere la nostra parrocchia».

Insomma, una nuova “raccolta” fondi come del resto avvenne già nel recente restyling che si è concluso nel 2008 e di cui le opere parrocchiali stanno ancora finendo di pagare i debiti dovuti al cantiere: continua in tal senso l’impegno dei gruppi parrocchiali. «Sant’Antonio ha fatto in modo che la caduta di calcinacci avvenisse di notte: poche ore prima sarebbe stato pericolosissimo – aggiunge don D’Andria – Dobbiamo ancora una volta ringraziare il nostro patrono che ha compiuto un piccolo miracolo ma nello stesso momento è necessario che ci prodighiamo tutti per la sua chiesa, che poi è quella di tutti i poggiomarinesi».

Il parroco stoppa quindi sin da subito le polemiche a riguardo di opere che qualcuno aveva definito “non a regola d’arte”, specificando che il cornicione crollato non era stato oggetto di alcun rifacimento bensì esclusivamente di una mano di pittura. In sostanza, quel pezzo di parrocchia crollato risale alla fine degli anni ’50.

cornicione chiesa poggio (2)

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE