Circum, mancano i materiali: linee Sarno, Poggiomarino e Baiano ridotte ad un solo elettrotreno

33

Materiale rotabile ancora più scarso per quanto riguarda la Circumvesuviana, al punto da fare scattare una denuncia del sindacato Orsa che ha scritto alle forze dell’ordine ed alle istituzioni «per denunciare il comportamento, al limite dell’incredibile, che la Direzione aziendale, sta avendo, in merito alla programmazione dei treni».

«A causa della mancanza di materiale rotabile e a causa dei continui guasti e anomalie al materiale attualmente in esercizio di esercizio – fa sapere la sigla – la Direzione aziendale ha avuto la brillante idea di discriminare ulteriormente i viaggiatori delle linee ferroviarie della ex Circumvesuviana Napoli-Baiano, Napoli-Sarno e Napoli-Poggiomarino che oltre a dover subire un programma di esercizio già notevolmente ridotto e insufficiente (durante gran parte della giornata, se tutto va bene, c’è uno treno ogni ora), ora sarebbe costretto a viaggiare su treni composti da un solo elettrotreno. Tale modalità di effettuazione del servizio, oltre a creare una oggettiva problematica relativa al comfort di viaggio (affollamento, mancanza di climatizzazione, ritardi) potrebbe comportare grossissimi problemi di sicurezza alla circolazione dovuto all’affollamento e problemi di regolarità, in caso di guasto al treno. Infatti, si deve evidenziare, che proprio a causa della scarsità di materiale rotabile, sempre più spesso vengono messi in circolazione quei pochi treni, riparati con pezzi di ricambio dei treni cannibalizzati e rottamati e quindi inevitabilmente soggetti a soventi guasti durante la marcia e la presenza di composizioni multiple, consente nella maggior parte dei casi di ritornare al deposito e quindi di evitare il blocco della circolazione».

«Con la decisione aziendale di prevedere treni composti da un solo elettrotreno, la probabilità che un treno si guasti e che blocchi totalmente la circolazione è altissima. In situazioni così precarie – insiste l’Orsa – la reazione degli utenti, che devono subire decisioni assurde prese dalla Direzione aziendale, si rivolgono sempre e solo contro il personale di bordo, che nonostante faccia l’impossibile per effettuare in condizioni decenti il loro lavoro, è costretto a subire atteggiamenti provocatori e violenti che sfiorano l’aggressione, proprio da parte degli utenti esasperati per le condizioni impossibili del servizio. Al fine di evitare situazioni incresciose e pericolose, si chiede un Loro intervento affinché il Personale sia messo in condizione di lavorare in sicurezza e con regolarità al fine di garantire un Servizio decente agli utenti e garantire l’incolumità ai lavoratori».

ressa circum

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE