Alle 11,30 di questa mattina c’è stata la tanta attesa proclamazione del neosindaco di Terzigno, Francesco Ranieri. Terzigno riparte, la settimana prossima avverrà con ogni probabilità la proclamazione degli eletti e da quel momento il sindaco avrà dieci giorni di tempo per convocare il consiglio comunale e arrivare con la giunta al gran completo.

Sala comunale gremita, si respira in città aria di cambiamento e rinnovamento, Terzigno ha dato fiducia al giovane avvocato che ha sempre lavorato tra la gente. «Emozione indescrivibile tra un bagno di folla – esordisce il sindaco – entusiasta e speranzoso della mia squadra di governo, Terzigno deve attendersi una vera e propria rivoluzione, dobbiamo ritornare ad amare ancora più di prima il nostro paese e il nostro territorio».

Settimana frenetica per il giovane avvocato che sta spingendo al massimo il piede sull’acceleratore per attuare quel processo di cambiamento per la cittadina vesuviana. Nella giornata di venerdì è stato ospite della trasmissione televisiva “L’Aria che tira” condotta da Myrta Merlino su LA7 dove a chiare lettere ha marcato la situazione anomala del territorio vesuviano con problematiche di abbattimento quando vi è purtroppo ancora l’emergenza dell’ex discarica della Cavi Sari sita all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio.

Al rientro della trasmissione e prima di abbracciare i suoi concittadini aggiunge un altro tassello al puzzle del rinnovamento: la riammissione del comune di Terzigno al Grande Progetto Pompei. Questo progetto che nasce per la volontà dell’Unesco ed è volto a individuare e a indirizzare un sistema operativo unico di turismo sostenibile per l’area vesuviana, la cosiddetta Buffer Zone.

Adesso resta da attendere la composizione della prossima squadra comunale che a detta proprio del sindaco non tarderà ad arrivare per poter così permettere di iniziare l’opera di cambiamento. Insomma, la Giunta per cominciare a lavorare.

sindaco francesco ranieri