Stalking, donna di Pompei perseguitata anche dal carcere: l’aguzzino inviava lettere dalla cella

34

È da quasi 2 anni che fa parlare di lui: un 33enne di Torre Annunziata è stato nuovamente arrestato dagli agenti del commissariato di Polizia di Pompei, perché responsabile di stalking ai danni di una ragazza della città mariana.

L’uomo, infatti, invaghitosi dalla donna, da circa due anni, ha iniziato a perseguitarla, molestarla, rendendole la vita difficile soprattutto dal punto di vista psicologico, tanto da essere arrestato più volte. Arrestato lo scorso ottobre 2014, sempre dagli agenti del commissariato di polizia di Pompei, perché colto in flagranza in piena strada, l’uomo ha scontato in carcere una pena di 8 mesi di reclusione, ritornando in libertà giovedì scorso.

Ancora prima di essere scarcerato, però, ha iniziato a inviare alla vittima una serie di telegrammi, facendole capire che non l’aveva dimenticata. Il gip del Tribunale di Torre Annunziata, alla luce della denuncia presentata alla Polizia, ha quindi emesso una nuova misura nei confronti dell’uomo. I poliziotti, infatti, nella giornata di ieri, hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari, nella sua abitazione di Torre Annunziata, con divieto di comunicazione anche a mezzo telefono.

stalking

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE