Riconosciuto colpevole dopo ben 15 anni dal reato. È successo a Camillo Giuliano, 36 anni, di San Giuseppe Vesuviano ma residente a Somma Vesuviana, che è finito ai domiciliari per il reato di ricettazione. L’ordine di carcerazione è stato emesso dal tribunale di Nola ed eseguito dai carabinieri della stazione sommese.

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è finito al regime carcerario alternativo per il reato di ricettazione, commesso proprio a Somma quando aveva poco più di 20 anni. Giuliano è stato raggiunto dai militari dell’Arma nella sua abitazione in via Lagno Macedonia.

Qui, dove vive con la sua compagna, dovrà restare per i prossimi tre mesi: tanto infatti deve scontare per effetto della decisione del tribunale nolano.

spari carabinieri