Camorra, il superlatitante della Nco Pasquale Scotti processato anche in Brasile

95

È già comparso davanti ai giudici di Recife, in Brasile, il superlatitante Pasquale Scotti, arrestato nelle scorse settimane dopo 30 anni di latitanza. Il boss della Nuova Camorra organizzata di Cutolo è imputato in Sudamerica per falsificazione di documenti: la sua carta d’identità, infatti, era palesemente contraffatta riportando il nome di Francisco De Castro Visconti.

Dunque, si allungano i tempi dell’estradizione verso l’Italia, dove il killer della Nco deve scontare la sua pena per i delitti di camorra che gli vengono imputati. Un “successo”, quello del processo in Brasile, per gli avvocati difensori di Pasquale Scotti, che sono riusciti ad allungare i tempi della sua permanenza a Recife in attesa del trasferimento in Italia.

In Brasile Scotti era diventato un’altra persona: aveva una moglie e due figli di 15 e 10 anni che erano all’oscuro del suo trascorso criminale a Napoli e provincia. In Sudamerica arrivò dopo un’evasione da film dall’ospedale di Caserta dove venne ricoverato in seguito ad una sparatoria che portò alla sua prima cattura.

scotti

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE