Camionista preso in ostaggio: ritrovato il tir, ora è caccia alla banda

35

Ritrovato a distanza di giorni il tir portato via da una banda di rapinatori tra Poggiomarino e Palma Campania. Il mezzo pesante, completamente svuotato del carico contenuto e di ogni altro oggetto dal minimo valore economico, è stato rinvenuto nella tarda mattina di ieri a Napoli, in un’area a metà tra Capodichino ed il cuore del quartiere San Pietro a Patierno.

Il camion non era chiuso a chiave ed era stato parcheggiato anche in maniera piuttosto attenta prima di essere abbandonato presumibilmente da un uomo della stessa gang, che quattro mattine fa portò a termine il colpo da film con tanto di autotrasportatore preso in ostaggio. Ad individuare il mezzo pesante sono stati alcuni passanti della zona alla periferia a Nord-Est di Napoli che hanno successivamente avvisato le forze dell’ordine. Sul posto è arrivata la polizia che dopo i primi controlli ha appurato la denuncia per rapina del tir, riconducendolo proprio all’impresa di trasporti su gomma di Poggiomarino da cui il mezzo era partito nel pieno della notte.

Completamente svuotato il rimorchio, che conteneva decine di migliaia di euro in prodotti caseari e latticini: derrate alimentari che la banda avrà sistemato presso depositi, ristoranti ed esercizi commerciali compiacenti della Campania e del Mezzogiorno d’Italia. Sul luogo è arrivata anche la Scientifica che ha raccolto le impronte digitali sul mezzo pesante ed altri possibili indizi che possano in qualche modo ricondurre alla banda di rapinatir che ha però dimostrato di essere composta da veri e propri professionisti. Dopo avere agito per farsi consegnare il mezzo, infatti, i balordi hanno mantenuto il sangue prendendo in ostaggio il giovane conducente poggiomarinese.

La vittima è stata incappucciata e poi, dopo diverse ore di giro a vuoto, rilasciata praticamente alla falde del Vesuvio in un luogo lontanissimo dall’area abitata. Intanto, chissà attraverso quale sistema, il satellitare sul mezzo pesante è stato disattivato e non è stato possibile per giorni riuscire a recuperare il tir. Si temono nuovi colpi, intanto, che potrebbero essere portati a termine sempre dagli stessi banditi, che in questa occasione si sono dimostrati dei professionisti. Insomma, i trasportatori dell’intera area vesuviana cominciano a tremare, mentre chiedono interventi più concreti da parte delle forze dell’ordine.

assalto tir

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE