Ha litigato con la suocera, in maniera violentissima, dopo di cui ha distrutto la propria abitazione, provando successivamente a tagliarsi le vene. Per fortuna, alcune persone intervenute sono riuscite ad evitare il peggio, strappando il coltello da cucina dalle mani della donna che è comunque riuscita a provocarsi una profonda ferita ai polsi, una lesione che per fortuna non ha reciso alcuna arteria primaria.

Protagonista una 40enne di Terzigno, che poco prima delle 23 di domenica sera ha messo in subbuglio un intero rione, facendo arrivare sul posto i carabinieri della locale stazione ed anche, naturalmente, il 118. Il fatto in corso Alessandro Volta, sulla strada che dalla cittadina vesuviana conduce proprio verso le pendici del vulcano. A quanto pare, tra le due donne, non sarebbe la prima lite anche abbastanza pesante, che però stavolta è veramente degenerata fino quasi a sfociare in una tragedia.

Soltanto il caso, ed il pronto intervento di vicini e persone accorse sul posto, hanno evitato il peggio ed un dramma familiare. L’allarme è scattato intorno alle 23, quando sono arrivate due chiamate, una ai carabinieri e l’altra al 118 che ha inviato sul posto l’ambulanza più vicina, quella del Psaut di Poggiomarino. I militari dell’Arma, giunti sul luogo, hanno trovato una scena davvero inquietante: molto sangue a terra, persone che mantenevano la 40enne terzignese, e l’appartamento mezzo distrutto.

Insomma, l’ennesima discussione tra suocera e nuora ha portato ad una reazione incredibile da parte di quest’ultima che dalle parole è passata ai fatti: dapprima ha dato pugni e calci a pareti e porte poi in preda ad una vera e propria crisi nervosa, si è scatenata sugli arredi domestici e su tutto quanto ha trovato davanti ai propri occhi. In due minuti la donna ha sfasciato di tutto, urlando e facendo accorrere numerose persone, mentre l’anziana cercava aiuto e chiedeva alla nuora di smetterla. A questo punto la 40enne ha afferrato un grosso coltello da cucina ma per fortuna sono intervenuti i vicini che hanno limitato la profondità del taglio, riuscendo poi a strapparle la lama dalle mani.

I medici del 118 di Poggiomarino hanno immediatamente medicato la donna già sul posto per poi caricarsela sull’ambulanza e trasportarla all’ospedale di Torre del Greco, dove la paziente è stata trattenuta tutta la notte a causa della crisi nervosa ed anche per valutare le condizioni dell’avambraccio rimasto ferito. Un evento che ha naturalmente scosso, quasi per intero, corso Alessandro Volta.

carabinieri ambulanza notte