Inserire le case abusive all’interno del patrimonio comunale allo scopo di evitare altri abbattimenti come quello avvenuto nei giorni scorsi a Messigno: la proposta è dell’opposizione e punta ad evitare le situazioni disperate come quella capitata appena la settimana scorsa.

A firmare la proposta i consiglieri comunali Bartolo Martire, Franco Gallo, Maria Padulosi, Andreina Esposito, Salvatore Perillo e Attilio Malafronte. E gli stessi consiglieri hanno anche proposto un’assemblea straordinaria per parlare del problema che rischia di ridurre Pompei in un cumulo di macerie.

Il prossimo abbattimento, infatti, è in programma il 4 giugno nella zona di via Ripuaria, ed a quanto pare sarebbero un migliaio le abitazioni da radere al suolo: insomma, è corsa contro il tempo.

ruspe pompei