Polveri sottili, allarme a Saviano: «L’Amministrazione tuteli la nostra salute»


116

Secondo quanto riportato recentemente dai quotidiani Roma e Il Mattino, nell’area di San Vitaliano i controlli dell’Arpac evidenziano che, negli ultimi tre mesi, la soglia d’allarme ambientale, per inquinamento da polveri sottili, è stata superata ben 51 volte, un valore che, unito ai picchi registrati, fa salire il centro del Nolano sul podio del Comune più inquinato d’Italia. A tutt’oggi non sono chiare le cause di questa situazione.



«Un quadro allarmante – spiega Giuseppe Allocca, rappresentante dei genitori nel consiglio dell’Istituto Comprensivo Statale“Antonio Ciccone” di Saviano – che farebbe equiparare questa zona del Nolano a quella, più tristemente famosa, di Seveso, tanto più che, come riportato dal Mattino di sabato 25 aprile, il Comune di San Vitaliano chiama in causa, tra gli altri, anche quello di Saviano. A tutt’oggi – aggiunge Allocca – si ignorano le iniziative assunte dal Comune di Saviano e dall’Arpac sul territorio savianese per il necessario monitoraggio atmosferico, tanto più che il sindaco è un medico e nella Giunta è presente, sembra, un dipendente della stessa Agenzia regionale per la protezione ambientale».

«In tal senso – conclude Allocca – invito tutti i partiti politici attivi sul territorio, associazioni e forum, di qualunque natura e genere, a testimoniare concretamente e con forza la loro consapevolezza alla tutela della salute, e in particolare quella dei ragazzi, sollecitando l’amministrazione comunale ad assumere una precisa posizione su tale problematica, e rendendo noto ai cittadini i relativi riscontri. Inoltre è importante che le Autorità Vigilanti accertino eventuali responsabilità e comportamenti omissivi».

polveri sottili

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE