È stato firmato ieri, alla presenza del sindaco Lello Abete, il decreto per la nomina di otto ispettori ambientali da avviare in servizio sul territorio di Sant’Anastasia. La figura è stata istituita per la vigilanza ed il controllo della corretta gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti. Il servizio sarà attivo nei prossimi giorni ed avrà come obiettivo la difesa del suolo, del paesaggio e la tutela dell’ambiente nel territorio comunale. La figura è stata fortemente voluta dal primo cittadino anastasiano Lello Abete, che in merito ha dichiarato:

«L’amministrazione ha voluto istituire otto ispettori ambientali al fine di controllare e salvaguardare la tutela del territorio. Il Comune, sempre attento a queste tematiche, crede molto in tale figura affinché la cittadinanza possa essere educata al rispetto dell’ambiente ed informata sulle modalità e sul corretto conferimento e smaltimento dei rifiuti». Presente anche Ciro Gifuni, esperto di Protezione Civile e coordinatore degli ispettori: «Gli ispettori ambientali sono delle sentinelle cui l’Amministrazione si vuole dotare per sensibilizzare la cittadinanza a fare in modo che le ordinanze emanate dall’Ente siano rispettate, sia quelle legate ai rifiuti che agli escrementi degli animali domestici o ancora alle recinzioni floreali e la loro manutenzione ordinaria. Il servizio va a collocarsi in quello che normalmente è il ruolo della Polizia locale, dei Carabinieri e dell’Ufficio Ambiente. Dal servizio ci aspettiamo un miglioramento ed un cambiamento di cultura da parte della cittadinanza ed un aumento di percentuale della raccolta differenziata che porterà benefici alla cittadinanza in termini di tasse sui rifiuti. Oggi abbiamo firmato il decreto e nei prossimi giorni partirà il servizio, previa riunione con le forze preposte».

Forte interessamento anche da parte del consigliere Alfonso Di Fraia, Presidente della Commissione Consiliare Ambiente: «Mi sono impegnato in prima persona nel progetto per contrastare diversi reati e scempi ambientali sul territorio, dal controllo della raccolta differenziata, alle deiezioni canine e soprattutto l’abbandono illegale di rifiuti, con maggiore attenzione alle zone periferiche del paese. Gli ispettori ambientali ci aiuteranno a prevenire questi scempi. L’Amministrazione Abete ha puntato molto su di essi anche in virtù dell’apertura prossima dell’isola ecologica. L’obiettivo è quello di educare la cittadinanza al rispetto dell’ambiente e alla tutela del territorio».

Ispettori