Fabbrica del falso nel garage di casa a Terzigno, 3 arresti: sono una madre e le due figlie


509

Un opificio abusivo nel garage di casa nel quale non c’era rispetto per le regole previste dalla legge a tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro e si producevano abiti con marchio falso. La scoperta è stata fatta dai carabinieri delle stazioni di Terzigno e San Giuseppe Vesuviano nel corso di controlli effettuati per contrastare il fenomeno del lavoro sommerso in collaborazione con l’IInps di Nola, l’Ispettorato del Lavoro di Napoli e l’Asl Napoli 3 Sud.



Durante i servizi operati in via Bovio di Terzigno sono state tratte in arresto 3 donne responsabili di contraffazione e alterazione di marchi aggravata: Rosa Avino, 63 anni, incensurata; Maria Grazia Ambrosio, 36enne, figlia di Rosa Avino; Anna Ambrosio, 39 anni, figlia di Rosa Avino. L’opificio tessile realizzato abusivamente in un garage sottostante la loro abitazione è stato sottoposto a sequestro penale insieme ad alcuni macchinari. Sul posto, ancora in fase di “lavorazione” sono stati trovati circa 6.500 pantaloni finiti e le etichette false di vari marchi di alta moda (Gucci, Jeckerson, H&B) che sarebbero state apposte sugli indumenti.

Sono state inoltre accertate gravi violazioni in materia di smaltimento dei rifiuti e in relazione alle normative per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro, con la contestazione di 2 violazioni penali. Le arrestate sono ai domiciliari in attesa di rito direttissimo.

falsi terzigno

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE