Bollettini in chiesa per pagare i sacramenti, esplode il caos e interviene il vescovo: vili offese

85

«Vili offese», «pettegolezzi di bassissimo livello» e «accuse gravissime e cattive»: così il vescovo di Nola, monsignor Beniamino Depalma, commenta le polemiche scatenatesi nelle ultime settimane a Pomigliano d’Arco, sui bollettini postali consegnati dai parroci della chiesa San Felice in Pincis ai promessi sposi per ricevere il sacramento matrimoniale, e ritenuti dal presule la garanzia «della massima trasparenza dei conti parrocchiali». I bollettini, dell’importo di 160 euro, sono stati fotografati ed affissi su manifestini anonimi nei pressi della chiesa e del Comune, insieme ad un altro, con il “racconto” di una anonima sposa che dice di aver “vissuto un incubo” per le “continue richieste di danaro” da parte della comunità parrocchiale, che seguono una polemica avviata sul social network Facebook.



«Nelle ultime settimane – ha scritto monsignor Depalma in una nota – sono apparse su manifesti a muro e sui social network affermazioni gravemente diffamatorie contro i parroci di San Felice in pincis. Parole violente e offensive, accuse gratuite e cattive che come Vescovo di Nola non posso minimamente tollerare. Esprimo la totale solidarietà e vicinanza ai sacerdoti coinvolti, vittime di un attacco ingiustificato. Quanto sta accadendo è semplicemente disgustoso per una città civile». Il presule, inoltre, spiega che per i sacramenti «non vige alcun obbligo di dare un contributo economico», sottolineando che la prassi in atto nella chiesa di Pomigliano, è frutto di una decisione assunta anni fa dal Consiglio pastorale della parrocchia, per rendere deducibili le offerte alle stesse persone che le hanno fatte, e, in quanto tracciabili, per garantire «la massima trasparenza dei conti parrocchiali».

«Questi sono i fatti – ha aggiunto – il resto è pettegolezzo di bassissimo livello». Il vescovo, infine, ha invitato tutti a «non fare facile populismo» sull’autofinanziamento delle comunità parrocchiali, ricordando che «i sacerdoti e la comunità parrocchiale sono un punto di riferimento sempre disponibile. Ai parroci, in particolare, in qualsiasi ora del giorno e della notte si rivolgono i più poveri per ricevere ogni tipo di aiuto: richieste alle quali va data risposta immediata».

bollettini sacramenti

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE