“Con un buon sonno più salute e felicità”, questo lo slogan che quest’anno accompagna la Giornata Mondiale del Sonno. Per l’occasione la Clinica Trusso e l’Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed insieme ad Aims (Associazione Italiana di Medicina del Sonno) promuovono, martedì 17 marzo 2015 dalle 10 alle 16, visite gratuite con gli specialisti del Centro per la Diagnosi e la Cura dei Disturbi del Sonno dell’Istituto Neuromed.

Gli interessati possono prenotare un consulto gratuito chiamando il Centro Unico Prenotazioni  allo 081.3387550 oppure potranno chiedere consigli direttamente ai medici recandosi alla Casa di Cura. Ma quali disturbi e sofferenze studiano al Centro de Sonno? Insonnia, sindrome delle gambe senza riposo, apnee notturne, narcolessia, sonnambulismo, disturbi del movimento, relazioni sonno-epilessia, disturbi di comportamento del sonno rem, russamento con apnee. Questi i disturbi più comuni che spesso vengono trascurati, con la conseguenza che chi ne soffre conduce una quotidianità fatta di malesseri e limiti cognitivi. Senza contare che a lungo andare tali disturbi rappresentano un rischio serio per la nostra salute. Dormiamo per almeno un terzo della nostra vita. Non solo per ricaricarci di energie ed essere efficienti il giorno successivo, ma anche per mantenere in esercizio i nostri circuiti cerebrali e rinforzare la memoria. Una corretta diagnosi ed una cura personalizzata dei disturbi in questo campo, quindi, possono migliorare la nostra vita e prevenire patologie anche serie.

In questo campo l’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli è fortemente impegnato grazie al suo Centro per la Diagnosi e la Cura dei disturbi del Sonno, una struttura dedicata a diagnosticare e trattare le principali patologie legate all’argomento. Il Centro è dotato di strumentazioni avanzate come esami dinamico-ambulatoriali con strumenti portatili (Actigrafia, Polisonnografia dinamica ambulatoriale, Monitoraggi ambulatoriali con parametri cardiorespiratori) e può servirsi di ambienti dedicati per l’esecuzione di esami polisonnografici diurni e notturni con video-monitoraggio. Inoltre l’approccio multidisciplinare al paziente nel suo percorso assistenziale è garantito anche da un servizio di day hospital che permette un facile accesso a consulenze di tipo otorinolaringoiatrico, cardiologico e psichiatrico.

«Non esiste una definizione universale di sonno di buona qualità. – spiega il dottor Andrea Romigi, Responsabile del Centro per la Diagnosi e la Cura dei disturbi del Sonno Neuromed – Esiste però la percezione soggettiva, con cui ci svegliamo tutte le mattine, di una qualità ristoratrice del sonno. E neanche possiamo parlare di una durata giusta. Si ritiene, indicativamente, che il termine di sette ore sia la media di durata di un sonno soddisfacente. Ma esistono geneticamente “corti” o “lunghi” dormitori, che possono avere sufficiente qualità ristoratrice anche in sei ore di sonno o avere necessità di almeno nove ore. È quindi di nuovo la percezione soggettiva che ci dice se il sonno è di buona o di cattiva qualità». Martedì 17 marzo presso la Clinica Trusso gli esperti del Neuromed saranno a disposizione di tutti i cittadini che potranno parlare dei loro problemi relativi al sonno e ricevere consigli utili.

trusso