Degrado nel complesso popolare fantasma, a Striano nasce una commissione speciale


644

Via ad una commissione straordinaria per tentare di recuperare l’area probabilmente più degradata di Striano, il complesso di edilizia mai finito e mai abitato: il “terribile” ex 219/81, un ammasso di cemento realizzato ad un passo dal centro di Striano e che nelle intenzioni doveva accogliere famiglie indigenti in una sorta di grande rione popolare.



Centinaia di alloggi fantasma che sono bloccati da trent’anni ed ormai diventati inservibili, oltre ad essere stati saccheggiati di tutto quanto fosse possibile dai soliti sciacalli di turno. Un progetto che nacque nel post-terremoto del 1980 e che dopo una lunga fase di costruzione è rimasto inconcluso e che rappresenta probabilmente l’unico vero pugno nell’occhio all’interno della città agrovesuviana. Negli ultimi vent’anni quasi nessuna Amministrazione ha tentato di fare qualcosa per provare quantomeno e recuperare gli ampi spazi. Adesso la Giunta del sindaco Aristide Rendina comincia a mettere mano ad un tentativo, una sorta di mandato esplorativo che sarà affidato ad una commissione consiliare speciale. L’Organo sarà formato durante il consiglio comunale in programma domani, durante cui ci sarà anche la composizione di tutte le altre commissioni previste dal regolamento dell’assemblea cittadina.

«Verrà istituita una commissione ad hoc costituita da tecnici e membri della maggioranza e dell’opposizione – spiega in una nota il gruppo di maggioranza “Patto Civico per Striano” – al fine di effettuare uno studio ed un’indagine preliminare sul comparto “ex 219/81”, così da poter informare la cittadinanza sullo stato in cui si trova la struttura e sulle azioni che si potrebbero intraprendere per recuperare quell’area fortemente degradata».

striano degrado

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE