Sono potenzialmente dannosi per chi li mangia, perché esposti ai gas di scarico delle automobili e naturalmente senza alcuna indicazione di provenienza degli stessi ortaggi. Sono scattati così controlli e sequestri dei carciofi arrostiti in strada.

Una retata da parte dei carabinieri che è avvenuta proprio nell’area vesuviana, luogo dove normalmente e da anni esiste l’abitudine di cuocere sui carboni i carciofi per poi venderli agli acquirenti già preparati e pronti da mangiare. Numerose le città dove hanno agito le forze dell’ordine.

Sequestrati anche i carboni ed alcune fornaci considerate anche queste pericolose da parte degli uomini in divisa.

carciofi