Lotta stretta e serrata alle presunte truffe contro il Comune. Il sindaco Vincenzo Catapano scende in campo e lo fa attraverso gli uomini della polizia municipale, che già da qualche giorno girano in borghese per filmare con tanto di fotografie e video chi intende chiedere risarcimenti al palazzo comunale fingendo di avere avuto incidenti a causa delle buche, sempre tantissime, disseminate sul territorio di San Giuseppe Vesuviano.

Insomma, se le voragini ci sono e nessuno lo nega, compresa la stessa fascia tricolore, in molti sarebbero pronti a marciarci, fingendo di essere finiti nelle buche e di avere riportato importanti danni alle autovetture. Ed al momento sembrerebbe che già più di una persona sia stata colta in fallo, anche se le denunce saranno formalizzate quando al Comune giungeranno le istanze giudiziarie con tanto di richiesta di risarcimento. Dagli ambienti vicino alla Giunta cittadina, infatti, c’è chi racconta uno degli episodi finiti sotto alla lente di ingrandimento e che gli agenti della polizia municipale hanno immortalato attraverso un telefonino. Il fatto è avvenuto nella zona del Parco Vesuvio. Qui, infatti, un’automobilista ha scelto un’arteria secondaria e non troppo trafficata e arrivato con la sua Fiat Panda si è adagiato all’interno di una profonda ferita nell’asfalto.

A quel punto ha fatto sgonfiare uno dei suoi pneumatici, togliendo semplicemente il tappo dalla gomma. Ed infine ha scattato fotografie che andranno poi a corredo della denuncia. Insomma, dal palazzo municipale si attende la mossa dell’automobilista per poi controdenunciarlo per truffa. «Nei prossimi mesi avremo la riparazione di tutte le strade su cui non c’è manutenzione da ormai 30 anni – spiega il sindaco Catapano – ma intanto stiamo cercando di arginare chi ne approfitta. Già nell’ultimo anno la quota di risarcimenti si è abbassata del 50% rispetto al 2013».

auto buche