Per capire il grande miracolo avvenuto è necessario entrare nella storia dell’avvenimento: ci troviamo nel 1269, Carlo d’Angiò, re di Napoli, nel punto più alto del Monte Somma, sulle pendici, fece costruire, un castello proprio dove sorge l’attuale Santuario. Al suo interno fece erigere una cappella dedicata a Santa Lucia, martire siracusana. Nel castello soggiornarono Carlo Martello, Caterina, moglie di Filippo di Costantinopoli e lo stesso Carlo d’Angiò.

Questi, nel 1348 oppose una valida resistenza all’esercito di Luigi d’Ungheria. In seguito un po’ per le guerre, un po’ per le numerose eruzioni del Vesuvio, restò per lungo tempo disabitato e abbandonato. Attualmente del castello restano solo alcuni ruderi ed una torre.

Dopo la morte di Alfonso I d’Aragona, Lucrezia d’Alagno, nel 1458, fece costruire un altro castello più a valle, oggi “castello De Curtis”, che si ammira all’inizio della salita dalla circonvallazione di Somma Vesuviana. Nel 1622 il venerabile don Carlo Carafa, fondatore della Congregazione dei Pii Operai, di ritorno da Roma per l’approvazione delle Regole, desiderando ritirarsi in solitudine per praticare esercizi spirituali, sicuramente per la quiete che allora vi regnava e che indubbiamente favoriva la meditazione. Lo comprò vendendo del suo bestiame. Sui ruderi dell’antico castello, costruì una casa per la sua Comunità, ripristinò l’antica cappella di Santa Lucia, dove collocò una statua lignea della Santa Vergine, che dall’antica Area di Somma, fu chiamata Santa Maria a Castello. Comprando, successivamente, un altro fondo presso Caserta, vendette il castello, affidando la cura della chiesa ad un eremita, con la preghiera di accendere, quotidianamente, la lampada alla Madonna. Dopo di lui altri religiosi hanno scelto il Santuario come luogo di eremitaggio. Il 16 dicembre del 1631 una terribile eruzione del Vesuvio, distrusse ogni cosa, compresa la chiesa e la statua della Madonna. Cessata l’eruzione, alcuni contadini, scavando sotto la cenere, trovarono la testa della statua staccata dal busto incenerito e la consegnarono ai Sommesi, i quali la affidarono ad uno scultore di Napoli per la ricostruzione. Ma lo scultore, impegnato in altri lavori, la lasciò chiusa in una cassa. Un giorno, la figlia, costretta a letto perché immobilizzata agli arti, udì una voce provenire dall’interno della cassa. La voce la invitava ad alzarsi ed aprire la cassa dicendo: “vieni ed apri”. La giovane si scusò di non poterlo fare a causa della sua malattia. Ma la Madonna aggiunse: “alzati che ben potrai non avendo più male alcuno”. Difatti la giovane si alzò dal letto e aprì la cassa.

La Madonna le disse che era stanca di restare chiusa in una cassa e voleva ritornare a casa sua. Chiese alla giovane che sollecitasse il padre a compiere il lavoro. Ritornato a casa, lo scultore, stupefatto del prodigio, sollecitamente completò il lavoro senza badare a spese, rifacendo la statua simile alla prima. La Madonna si presenta seduta in trono, con la sinistra sostiene il Bambino e con la destra regge il mondo sormontato da una croce. La statua composta dalla testa prodigiosa della Vergine venne consegnata ai Sommesi i quali la collocarono nella chiesa di San Lorenzo, rimasta intatta dall’eruzione del 1631 (oggi però completamente distrutta), in attesa che si completasse l’attuale chiesa di Castello.

La costruzione della chiesa, per mancanza di fondi, procedeva molto lentamente e la Vergine apparve ad una sua devota, inviandola da Antonio Orsini, un nobile e ricco cavaliere, discendente dai Conti di Sarno, pregandolo di aiutare economicamente il completamento della chiesa. Durante la costruzione, avvennero diversi prodigi. Per la mancanza di acqua sul posto e per la difficoltà a portarla su, il lavoro procedeva con molto ritardo. I fedeli pregarono la Santa Vergine e, scavando nei pressi della chiesa, trovarono una quantità enorme di acqua. Ogni anno nel mese di maggio, si ripete il miracolo dell’acqua che sgorga nel fosso.

Alla fine dei lavori, nel sabato dopo Pasqua del 1650, la statua fu solennemente portata nella chiesa di Castello, dove ogni anno si rinnova la tradizionale festa sino al 3 maggio.
I numerosi ex voto presenti nella sala attigua alla chiesa, sono il segno delle grazie ottenute dalla Madonna ai pellegrini. Dal 1964 la chiesa può essere più facilmente raggiunta grazie ai lavori di ampliamento della strada. Il Santuario fin dal Sabato dei Fuochi (in albis), e fino al tre maggio e sede di pellegrinaggio e tante sono le persone che si recano alla Festa della Montagna portando suppliche di grazie per guarigioni e i tanti problemi che affliggono l’umanità chiedendo aiuto e conforto alla Madre di Dio. Recentemente è stata costruita una cappellina in cima alla Montagna sempre in onore alla Madonna di Castello.

madonna castello somma