Torna alla ribaltala vicenda di Terzigno e di Cava Sari. A portarla in Parlamento soni deputati del MoVimento 5 Stelle con primo firmatario, Luigi Gallo: «Sarebbe opportuno relazionare sui risultati delle analisi effettuate dai tecnici dell’Arpac; da tali analisi emergevano, nella falda acquifera, il superamento delle concentrazioni superiori ai limiti massimi consentiti di sostanze quali ferro, manganese, fluoruri, nichel, zinco, Pcb e cadmio, diossine, prodotti derivanti da idrocarburi, pesticidi, cadmio, nichel ed altri; poche di queste sostanze possono essere riconducibili ed attribuibili alla natura geomorfologica vulcanica, tutte le altre sono di certo frutto di contaminazione causata dallo smaltimento scellerato dei rifiuti, scellerato sia nella scelta del luogo (Parco nazionale del Vesuvio) sia nelle modalità di trattamento dei rifiuti».

E ancora: «Da ciò si evince che le falde acquifere di Terzigno sono contaminate e che ciò è già noto al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare; vale la pena ricordare i disastrosi effetti che dette sostanze, accumulandosi nei terreni coltivati e nelle falde acquifere destinate all’irrigazione ed al consumo, possono avere sulla salute delle persone: patologie dei reni, ossa e sangue, disturbi della crescita, danni allo scheletro, carenze riproduttive, tumori al fegato, alla prostata ed ai polmoni, disturbi permanenti se si è fortunati, altrimenti mortali; a ciò si aggiunga che la discarica, allo stato, viene gestita dalla società Ecodeco srl, gruppo A2A, che ne cura la captazione dei biogas, ma la popolazione locale lamenta la cattiva gestione di tale impianto dal quale provengono continui miasmi, che costringono i residenti a rifugiarsi in casa, ben serrando porte e finestre, in ragione della presenza di una coltre di vapori sulla discarica; i danni causati dalla Cava Sari sono molteplici: la presenza di oltre 500 mila tonnellate di rifiuti indifferenziati all’interno del Parco nazionale del Vesuvio, l’inquinamento di acqua, terreno e aria, l’aumento concreto di patologie tumorali tra la popolazione residente nella zona».

terzigno_discarica_sari