Assume contorni inquietanti l’incendio scoppiato mercoledì sera poco dopo le 20 e che ha visto coinvolta l’autovettura dell’avvocato penalista Gaetano Coccoli. Il rogo appiccato al Suv in via Aldo Moro è infatti di origine dolosa.

Insomma, quasi certo che si tratti di un’intimidazione per il noto penalista pompeiano, impegnato in tante battagli legali e che tra l’altro è impegnato professionalmente in vicende delicate come quelle di piazza Schettino e la Fonte Salutare. Noto anche l’impegno politico della vittima dell’agguato. I carabinieri sono al lavoro per scoprire autore e movente del gesto.

«Si è trattato di un atto assolutamente inaspettato; non ho subito alcuna minaccia, altrimenti avrei sporto subito denuncia alle forze dell’ordine» ha commentato l’avvocato Coccoli al quotidiano “Roma”.

auto avvocato