Truffa del resto, nei guai due sommesi in trasferta


132

Entravano nei bar e contemporaneamente chiedevano uno un Gratta e Vinci, mentre l’altro ordinava in caffè. Pagavano con biglietti da 50 euro e riuscivano ogni volta ad uscire con un resto maggiorato, mandando in confusione i cassieri.



Protagonisti due uomini di Somma Vesuviana, Z.G. e P.A. di 44 e 36 anni, truffatori in trasferta a Padova e che hanno ripetuto il colpo per quattro volte in altrettanti locali della città veneta. La coppia è stata denunciata in stato di libertà per truffa in seguito a quattro siparietti messi in atto in alcuni locali atestini. «Il primo truffatore è entrato e ha chiesto un “gratta e vinci” da 5 euro, pagando con una banconota da 50 euro» racconta il titolare del Carlo Bar di via Principe Amedeo «Mentre stavamo per rendere il resto di 45 euro è entrato nel locale il complice, che ha richiesto un caffè». I due hanno finto di non conoscersi e hanno cominciato ad interloquire con l’esercente contemporaneamente, per creare confusione: «Al momento del pagamento, il secondo tizio ci ha presentato una banconota da 100 euro. Mentre stavamo per dare il resto, si è quindi scusato e ha spiegato di aver trovato degli spiccioli con cui saldare il conto del caffè», racconta uno delle vittime.

Nel marasma di monete e contanti, i due sono riusciti ad ottenere più resto del dovuto, uscendo dal locale con una guadagno netto di 50 euro. Stesso teatrino è stato imbastito dai due al bar della stazione di servizio Eni di via Principe Amedeo: anche in questo caso la coppia è riuscita a sottrarre con l’inganno 50 euro. È andata invece male in altri due locali, all’Art Cafè di piazza Trento e all’Ibisco Cafè di via Marconi. La truffa, bene o male che sia andata, è stata segnalata ai carabinieri. Grazie alle testimonianze degli esercenti e ai filmati di videosorveglianza è stato possibile risalire all’auto della coppia, una Fiat Panda presa a noleggio. I militari del radiomobile sono quindi riusciti ad intercettare i due truffatori lungo la Ss 16 a Stanghella.

truffa resto

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE