Quel patto tra quattro sindaci benedetto da De Luca. E tre sono vesuviani

163

Pare che gli stessi protagonisti l’abbiano battezzato “il patto dell’Averno”, perché la prima volta si incontrarono proprio nei pressi del ben noto lago: Leo Annunziata, Vincenzo Figliolia, Aristide Rendina, Ferdinando Uliano (l’ordine è rigorosamente alfabetico), rispettivamente sindaci di Poggiomarino, Pozzuoli, Striano e Pompei, tutti targati Pd, hanno stretto da tempo un accordo.  Marceranno insieme e, si augurano, compatti.

Il primo test c’è stato alle elezioni per la Città Metropolitana: si doveva votare Uliano. E cosi fu. La seconda prova riguarda le regionali. Per discuterne, i quattro primi (cittadini) si sono visti in un ristorante della valle del Sarno, appena qualche giorno fa.

Musica

Prima canzone: “Se stiamo insieme”, di Riccardo Cocciante

Pausa

Seconda canzone: “Aggiungi un posto a tavola”.

Già perche a cena c’era pure un quinto sindaco. E che sindaco: nientedimeno che Vincenzo De Luca da Salerno, alle prese con le grandi manovre per cercare di candidarsi a governatore della Campania attraverso le primarie. Ma si terranno le primarie? E se sì, ce la farà De Luca? Poco conta: ai sindaci del patto dell’Averno importa soprattutto individuare un candidato da votare e far eleggere. Durante la cena, poco prima dell’arrivo delle rane fritte in pastella, un nome sarebbe già uscito: si tratterebbe di Elio Buono, capogruppo Pd a Pozzuoli.

Striano e Poggiomarino, dunque, anche a sto giro si limiterebbero a portare fieno in cascina (leggi: preferenze). Ma raggranellare consensi rappresenta una sfida importantissima per entrambi e per ragioni diametralmente opposte: Rendina è al suo primo appuntamento elettorale dopo la vittoria alle amministrative e Annunziata è al suo ultimo test prima delle comunali del 2016. Al primo scoccerebbe moltissimo fare flop appena un anno dopo il trionfo, il secondo deve scaldare i motori per il rush finale. E poi, a Poggiomarino, è appena nato un nuovo movimento, “Poggiomarino libera”, fondato dall’assessore esautorato Antonio Boccia, dalla pupilla di Rivellini Rossella Vorraro e dal pentastellato Angelo Manna. Faranno convegni, dibattiti, incontri, petizioni, cineforum, concerti. Lo faranno per Poggiomarino e per il territorio. Non faranno politica. Così dicono.

Ma Leo non si fida. Del resto, perché dovrebbe?

patto sindaci

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE