L’anatema di don Aniello contro il Vulcano Buono: «Ha distrutto il commercio del territorio»


216

Non è nuovo don Aniello Manganiello a dure uscite contro i poteri forti. L’ultima ieri sera “esplosa” contro il Vulcano Buono, il megacentro commerciale di Nola, contro cui il prete anticamorra si è scagliato rivendicando uno sviluppo del territorio che invece non c’è stato.



«Sull’Asse mediano sono rimasto colpito dalle centinaia e centinaia di auto nei parcheggi del Vulcano,che chiamano “buono”, perché il Vesuvio è cattivo – dice – e tutti contenti a chiamarlo buono, è proprio vero che siamo diventati cervelli all’ammasso. Altro che buono, ha distrutto il commercio nell’agro-nolano e non ha apportato nessuno sviluppo. Quel Pinocchio di Bassolino e quel trombone di Prodi, quando inaugurarono il Vulcano, parlarono di Polo di eccellenza, di volano di sviluppo. Ma quale sviluppo? Per le loro tasche».

Insomma, un vero e proprio anatema, quello di don Manganiello, che come suo costume e senza peli sulla lingua dice quello che pensa contro i politici e chi è all’apice dell’economia. Il suo pulpito, in tal senso, è però di avere salvato centinaia di giovani dalla camorra e dalla droga, meriti che la politica non può vantare.

don aniello mangniello

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE