Utilizzare le ore non lavorate per “trasformare” macchinisti e capitreno in controllori dei biglietti. La Circumvesuviana ci ha provato, ma ha ricevuto finora “picche” da parte dei suoi dipendenti che sono già pronti alla sommossa.

La notizia è diffusa da Francesco Gravetti sulle pagine de “Il Mattino” che parla del piano Eav al fine di ridurre il numero di “portoghesi” che quotidianamente viaggiano sui convogli. Diversi lavoratori, infatti, hanno due ore di disponibilità a settimana che l’azienda aveva provato a sfruttare in tal senso.

Ma tra l’organico pare già pronta la protesta con lo spettro di scioperi e di astensioni al lavoro e dunque con il nuovo rischio di disagi per i viaggiatori.

Interno Circumvesuviana