Cimitero di Pompei, ai domiciliari l’ex sindaco D’Alessio: TUTTI I NOMI


285

L’ex sindaco di Pompei, Claudio D’Alessio è stato posto agli arresti domiciliari nell’ambito dell’indagine sulla gestione del locale cimitero. Oggi gli agenti del commissariato, guidati dal vice questore Maria Rosaria Romano, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata che ha portato due persone in carcere, cinque ai domiciliari e disposto due divieti di dimora.



Ai domiciliari, oltre che D’Alessio, anche un attuale consigliere comunale, Attilio Malafronte, esponente dell’opposizione. Coinvolti nell’indagine Pasquale Cesarano, ex dipendente comunale, ora in pensione, e Carmine Casciano, dipendente comunale, ex direttore del cimitero di Pompei: i due sono stati condotti in carcere. L’inchiesta è relativa a fatti accaduti tra il 2011 e l’inizio del 2014.

La società Mirca, che ha gestito il cimitero fino alla revoca del contratto decisa qualche giorno fa dalla giunta del nuovo sindaco Nando Uliano, è coinvolta – secondo l’ipotesi formulata – per un paio di episodi ma l’inchiesta era partita già precedentemente all’affidamento della gestione dei servizi del cimitero ai privati. Le denunce dei cittadini erano state determinanti nell’innescare l’indagine che ha portato alle misure cautelari eseguite oggi.

CLAUDIO D'ALESSIO

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE