Secondo la sua versione uccise il cognato 40enne, Michele Cantone, perché picchiava la sorella. Ieri la condanna a 18 anni di reclusione per Fernando Cantone, che esplose un colpo di pistola alla nuca della vittima mentre questi stava dormendo. A riportare la notizia è il quotidiano “Roma”.

Il delitto avvenne nella notte tra il 23 ed il 24 ottobre del 2013 a Pomigliano d’Arco: dopo l’ennesima lite tra i due coniugi, infatti, Cantone salì a casa della sorella Maria e qui decise di fare fuori il cognato con una pistola che si era procurato pochi giorni prima in maniera illegale.

L’uomo confessò soltanto dopo lunghe ore di interrogatorio: indagata al momento anche la sorella Maria, mentre i bimbi della coppia sono stati affidati alla nonna paterna, la madre della vittima.

aula cantone